Poeti a confronto – secondo appuntamento

poeti-a-confronto

Dopo il notevole successo di pubblico riscontrato in occasione del Poetry’n blues svoltosi lo scorso 4 gennaio, continuano le letture poetiche della kermesse Poeti a confronto. Il secondo appuntamento si svolgerà sabato 1 febbraio 2014 alle ore 18:00 nella ormai consueta location del pub Officinè, in Via Vacirca n. 38.

La ridente cittadina di Santa Maria è abbracciata dal mare africano e da un dolce correre di basse colline che s’inoltrano fin dentro il cuore d’una Sicilia arcaica. A Santa Maria non esistono le mezze tinte. Qui tutto è color pastello; dal verde intenso dei mesi invernali, per via dei campi coltivati a carciofi e frumento, al giallo oro dei mesi estivi, quando le spighe mature richiamano frotte di uomini, che nell’ora della mietitura sollevano biancastri polveroni. Lo zefiro del promontorio bagna le menti con l’acqua frizzante della fantasia e le proietta verso nuovi orizzonti e verso mondi inesplorati. Sono i mondi dell’anima. A questi mondi guardano i nostri poeti, e incastrando tra loro parole nuove, ci regalano immagini ed emozioni, sentimenti e sapori d’un mondo antico. A Santa Maria, si nascondono delle anime gentili, delicate e ardimentose. Sabato 1 febbraio, in occasione del secondo appuntamento di Poeti a confronto ve ne presenteremo due: Salvatore Spinello e Alberto Sentina.

Salvatore nasce trenta anni addietro a Niscemi, trascorre la sua infanzia tra l’afrore delle viti e la durezza della terra brulla, conosce bene la campagna, ne riconosce i ritmi e i colori. A scuola eccelle ed è il preferito della maestra; lo studio lo diverte molto ed è ambizioso. La sua ambizione lo porta a raggiungere un alto obiettivo: quello di laurearsi in Giurisprudenza.  Con il  tempo si instilla in lui una passione nuova, conosce la bellezza e la forza della poesia, ne assapora il potere delle parole e traduce le sue insicurezze e le sue sensazioni in inchiostro e carta. Le sue poesie sono brevi ma intense, di una spontaneità e dolcezza imbarazzanti.

Personaggio eclettico e poliedrico, Alberto nasce sessantuno anni fa a Niscemi, in un quartiere popolare e iridato: San Giuseppe. Coltiva numerose amicizie e si appassiona alla politica, alla lettura, allo sport, alla poesie e alla novellistica in particolare; è uno studente modello e corona il sogno che i suoi genitori coltivavano per lui, quello di diventare medico. Lavora a Niscemi, professionista stimato e adorato dai suoi colleghi e pazienti. Si diletta a scrivere e dedicare brevi componimenti per i suoi familiari ed amici, che lui stesso interpreta durante le occasioni di festa e nei conviviali rotariani. La sua poetica è sferzante e irriverente, anatomica la scelta delle  parole e sagace la scelta della ritmica.

Elena Sentina – Nunzio Pardo